Artrite reumatoide: perché questo è un dolore che nessuno capisce

L’incomprensione inizia già con il nome della specialità che potrebbe placare la sofferenza: reumatologia. Seriamente, quando rischio di intromettermi nella vita di qualcuno pensando che sia un caso per il reumatologo di dare un’occhiata, dalla reazione quasi indignata sembra che sto mandando la persona nei caffè del pianeta Medicina. C’è anche quello che mi dà un’espressione di “ah, sì, sì, perché allora pensavo anche a un reumatologo”. Scommetto che la maggior parte non avrebbe la minima idea di quale figura fosse.

Se sai di chi sto parlando, mi dispiace. Volevo solo mettere tutti nella stessa riga di questo testo, quindi … Reumatologo è il clinico del sistema locomotore. Non si prende cura dell’osso rotto, né raccoglie il bisturi e funziona. Guarda l’insieme di scheletro, muscoli e articolazioni per capire tutto ciò che ostacola il movimento. E ci sono più di 150 malattie che rendono il nostro corpo, cercando di uscire dal luogo, cigolando, scoppiettando, inceppandosi, ferendo e chiudendo. Uno di questi è l’artrite reumatoide, che colpisce dallo 0,6% all’1% dei brasiliani.

Non siamo particolarmente sfortunati. È così in tutti gli angoli di questo mondo che corre da solo a passi da gigante. L’artrite reumatoide non ha razza, né indirizzo giusto. Fa male a tutti. Imballare tutto. Di solito, questa è un’età più probabile che si verifichi, poiché esiste un picco di casi tra 35 e 45 anni e un altro tra 55 e 60. Ma ci sono anche episodi ancora più rari di bambini con artrite reumatoide. Cioè, la mancanza di conoscenza è il punto di partenza: e perché succede? Non c’è risposta, senza contare il vecchio che tocca il tasto della genetica.

Nessuno spiega ancora perché, fino all’età di 40 anni, il rapporto sia di tre donne con la   malattia   per ogni uomo. Questa preferenza per la femmina cade un po ‘- due per ciascuno – tra i sessagenari.

C’è qualcosa che possiamo fare per spezzare il caos? Fumare, chi lo sa. Il rischio di sviluppare l’artrite reumatoide è tre volte più elevato tra i fumatori. Essere in sovrappeso è un altro fattore. Sì, la   malattia   è più diffusa tra le persone obese – probabilmente perché hanno un organismo, letteralmente infiammato, che facilita il male. È un’infiammazione, innescata da un attacco autoimmune.

Si inizia con la membrana sinoviale, che racchiude l’intero pacchetto dell’articolazione: cartilagine, tendini, all-inclusive. Infiammata, questa membrana cresce e si insinua fino alle estremità delle ossa e inizia a erodersi. Invade davvero, nessun peccato. È come se la parte ossea venisse mangiata a poco a poco, fino a quando l’intera articolazione, presa dalla membrana recitante fatta postura, smette semplicemente di muoversi. “Non molto tempo fa, la destinazione di coloro che soffrivano di artrite reumatoide doveva finire su una sedia a rotelle”, ricorda Rina Neubarth Giorgi, MD, capo della reumatologia presso l’Ospedale del Pubblico Servo di San Paolo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *