Fibromialgia e solitudine: Come combattere Isola zione

Quando ti disconnetti dal mondo esterno, stai costruendo un muro rinforzato intorno alla tua vita per bloccare tutto ciò che ti ferirebbe. Ma cosa succede se le misure che prendi per proteggere te stesso stanno creando più danni? Cosa succede se il tuo muro impedisce agli elementi positivi di entrare tanto quanto impedisce i negativi?

Ancora più importante, cosa succede se il più grande pericolo viene da te? Dietro il muro che hai costruito, c’è solo te e la fibromialgia. Il Fibro è un avversario sostanziale anche quando si guarda solo all’impatto sulla salute fisica. Ma se consideri anche l’impatto psicologico della malattia, stai affrontando un pericoloso avversario.

Fibro e depressione

Quando sei affetto da fibromialgia e depressione, come molti, inizi a vedere il mondo esterno in modo diverso. Questa è la natura della depressione; rende le cose buone male e le cose cattive sembrano anche peggio. Inoltre, rende le persone intraprendere azioni illogiche e irrazionali in nome della depressione. Per molti con fibro, la depressione non è il problema – il problema è che cosa si fa per combattere la depressione.

L’isolamento è l’esempio perfetto di questo. La depressione ti ha convinto che le persone, i luoghi e le situazioni comuni nel tuo mondo sono puramente negativi.

Inizi a pensare che queste cose ti faranno del male se possono, il che peggiorerà la tua depressione e i sintomi fibroi. Come reazione, inizi a ritirarti comportamentalmente ed emotivamente come abilità di sopravvivenza in modi che includono:

  • Essere meno motivati ​​a lasciare la tua casa
  • Sentirsi più ansiosi o preoccupati quando si esce di casa
  • Invito declinante da parte di amici o familiari per incontrarsi o partecipare a riunioni
  • Pianificare un minor numero di opportunità sociali per te stesso
  • Ignorare i supporti quando ti raggiungono
  • Vedere solo i negativi associati alle connessioni sociali

A volte, il ritiro è un comportamento normale e salutare, ma i problemi sorgono quando si aggiunge intensità e durata al ritiro. Le persone che sono ritirate diventano persone che si isolano, il che porta al ciclo dannoso di depressione, isolamento e fibro-riacutizzazioni. Ciascuno influenza l’altro portando a sintomi sempre più negativi.

Ogni problema ha una soluzione, però. Vuoi mantenere o costruire una vita sociale attiva riducendo i sintomi dei fibro? Ecco come:

Guarda il muro

L’isolamento non avviene rapidamente; a meno che non ci sia un evento traumatico che innesca l’isolamento, si verifica lentamente nel tempo.

Forse il tuo fibro ha coinciso con coincidenza nei giorni in cui avevi intenzione di visitare con gli amici. Cancellando i tuoi piani, stavi inavvertitamente costruendo il muro e procedendo verso l’isolamento. In poco tempo, l’associazione accidentale tra fibro e isolamento diventa un’abitudine conclamata.

Le persone che isolano lo fanno per una ragione. Anche se la ragione potrebbe non avere senso, c’è una ragione.

Se non riesci a scoprire il motivo, non puoi vedere il muro per quello che è. Lo scopo originale del muro potrebbe persino essere stato distorto o esagerato nel tempo.

Perché il tuo muro è lì? Cosa speravi di ottenere nella costruzione del muro? Quali fattori portano alla formazione del muro quando era? Perché non hai costruito il muro prima? Quali azioni o reazioni rendono il muro più grande e più forte?

Per rimuovere il muro, devi capire a cosa serve il muro. Queste informazioni forniranno una spiegazione migliore dei sistemi che mantengono il tuo isolamento.

Licenziare i positivi e vedere i negativi

L’isolamento continuerà finché si eliminano i negativi e si vedono i lati positivi del muro. Se ritieni che l’isolamento ti protegga da conseguenze indesiderate delle relazioni o dalla rabbia e dall’aggressività degli altri, l’isolamento continuerà.

Se credi che non vi sia nulla di positivo che viene fornito con le interazioni sociali, non ci sarà alcuna motivazione a superare il tuo stato attuale. Il muro rimarrà.

Per terminare l’isolamento, devi vedere il punto di vista alternativo. Ciò richiede solo una nuova prospettiva e la volontà di accettare che le tue percezioni delle relazioni possano essere influenzate negativamente dalla depressione fibro-correlata.

Ricorda, la depressione vuole che tu sia più depresso, quindi enfatizzerà ingiustamente i negativi nella tua vita per raggiungere il suo obiettivo.

Per concludere, devi dare un’altra occhiata al tuo passato con la socializzazione e l’isolamento.

  1. Fai una lista di persone a cui sei interessato ad avere rapporti con familiari, amici e colleghi separati
  2. Fai una lista dei positivi realizzati attraverso la relazione sociale
  3. Fai un elenco di opportunità che sono state perse a causa del tuo isolamento sociale
  4. Fai una lista di opportunità future che mancheranno se il tuo isolamento continua

Questa lista inizia ad annullare l’isolamento ponendo maggiore attenzione al bene che viene dalla socializzazione.

Abbattere il muro

Usare le liste per enfatizzare i lati positivi dell’essere sociali e i negativi dell’isolamento è prezioso, ma non è sufficiente da solo. Per abbattere davvero il muro, devi coinvolgere attivamente altre persone nella tua vita.

Effettuando telefonate, visitando con amici e aumentando i contatti online, inizierai a recuperare le competenze necessarie per mantenere buoni rapporti.

A questo punto, molte persone indagano sui loro supporti disponibili ma non riescono a vedere molte opzioni. Un lungo periodo di isolamento spingerà gli altri via perché non stanno ottenendo il livello di reciprocità necessario per godere della relazione.

Questo rende l’atto di abbattere il muro ancora più impegnativo perché dovrai superare i tuoi comportamenti standard per riparare le relazioni. Dovrai davvero convincere gli altri che questa relazione sarà diversa questa volta.

Prendi in considerazione l’inizio della riconnessione con delle scuse. Potrebbe sentirsi a disagio, ma sarà molto utile per raggiungere i tuoi obiettivi.

L’isolamento è una prigione autoimposta che fa di più per tenere fuori il bene di quanto non faccia per tenere il passo. Con l’influenza della depressione, l’isolamento è una componente naturale della fibromialgia.

Diventa tuo compito evitare la spinta dell’isolamento prima che possa iniziare. Se è troppo tardi per la prevenzione, è necessario ispezionare e distruggere il muro sul posto. Solo quando il muro è giù puoi essere libero dall’isolamento.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *