il fibro ci rende estremamente sensibili: cos’è l’ipervigilanza nella fibromialgia?

L’ipervigilanza  è uno stato di tensione costante, di guardia e eccezionalmente consapevole del proprio ambiente.

Un piccolo ma crescente corpo di ricerca suggerisce che l’ipervigilanza è una caratteristica della fibromialgia e può contribuire al sintomo comune di sovraccarico sensoriale.

L’idea è che i nostri cervelli diventino eccessivamente consapevoli delle cose, che possono includere stimoli dolorosi, rumori, luci intense e attività generale.

Questo potrebbe spiegare perché i nostri corpi reagiscono così dolorosamente a una sensazione che la maggior parte delle persone non proverebbe come dolorosa (chiamata allodinia), così come perché siamo sensibili al rumore, alla luce, agli ambienti caotici e altro ancora.

Con l’ipervigilanza, non solo noti le cose più facilmente, ma probabilmente non sarai in grado di distogliere l’attenzione da esse. Quando qualcosa emette un bip nell’altra stanza, te ne accorgi subito, ne rimani molto distratto e probabilmente diventi agitato se non va via.

Lo stesso vale per sentire la pressione di una cintura o di come un tessuto si sfrega sulla pelle. Il nostro cervello lo percepisce come una minaccia, i nostri cervelli si fissano su di esso e la nostra risposta fisiologica è molto più estrema di quanto dovrebbe essere.

In molte condizioni, l’ipervigilanza è legata all’ansia. Uno studio sulla fibromialgia, tuttavia, ha suggerito che possiamo essere ipervigilanti con o senza ansia.

L’esperienza dell’ipervigilanza

Il cervello umano percepisce molte informazioni sui nostri ambienti di cui non siamo consapevoli consapevolmente.

Ci sono troppi segnali che bombardano il nostro cervello in qualsiasi momento, quindi c’è un processo di filtraggio – le cose considerate non importanti sono filtrate e non ne siamo mai consapevoli.

Qualsiasi cosa che il tuo cervello consideri una minaccia, tuttavia, riceve un’attenzione particolare. Questa può essere una risposta altamente personalizzata, a seconda di ciò che il tuo cervello ha imparato è un pericolo.

Ad esempio, prendi le persone con l’aracnofobia (paura dei ragni). Per questo motivo, sono quasi sicuramente la prima persona nella stanza che noterà un insetto sulla parete o qualcosa di piccolo che si muove sul tappeto attraverso la stanza. I loro cervelli sono costantemente all’erta, specialmente nei luoghi in cui hanno visto spesso ragni.

Quando vedono un ragno, possono farsi prendere dal panico, possono volere scappare, potrebbero volersi rannicchiare in un posto sicuro e piangere. Con la fibromialgia, la risposta ad ambienti eccessivamente stimolanti può essere simile.

Ho un’esperienza personale con questo. Una volta, ero in fila per comprare qualcosa in un piccolo negozio caotico in cui un dipendente aveva acceso una musica rumorosa e rumorosa con un ritmo estremamente rapido. Fortunatamente, ero con mio marito e quando gli ho consegnato i miei articoli e gli ho detto che dovevo uscire da lì, lui capì.

Fuori, mi sedetti contro un muro, chiusi gli occhi e respirai profondamente finché non fui più in pericolo di un attacco d’ansia in piena regola. Come aracnofobo, posso vedere le somiglianze tra questo e quello che succede quando vedo un ragno.

Vivere con ipervigilanza

La maggior parte dei genitori sperimenta una certa quantità di ipervigilanza quando si tratta dei nostri figli. Quando hai un nuovo bambino, il più piccolo piagnucolio può portarti a volare fuori dal letto.

Noti piccoli rischi che altre persone non hanno, come una presa di corrente esposta o un bicchiere sul bordo di un tavolo.

Quindi, mentre l’ipervigilanza è normale in certe situazioni, non è salutare trascorrere troppo tempo in uno stato ipervigilante. Funzionano spesso agenti di polizia e soldati nelle zone di combattimento, il che li mette a rischio per il DPTS.

 

L’ipervigilanza può disturbare il sonno, causare comportamenti di evitamento e renderti nervoso e ansioso. Essere in allerta per tutto il tempo è estenuante. Può renderti irritabile e incline agli scoppi. Gli attacchi di panico sono sicuramente possibili.

L’ipervigilanza è un aspetto della malattia e non una malattia stessa.

Se ritieni che l’ipervigilanza sia un problema per te, ne parli con il medico. Questo può aiutare a modellare la direzione del trattamento.

I farmaci non sono generalmente usati per trattare l’ipervigilanza. Invece, le tecniche di coping e il trattamento per la malattia che lo ha causato sono raccomandati.

Le tecniche di coping possono includere:

  • Trattare con lo stress,
  • Yoga,
  • Meditazione,
  • Consapevolezza,
  • Respiro profondo.

È una buona idea rimuovere te stesso da situazioni o ambienti che aumentano la tua ipervigilanza. Tuttavia, se questo porta a comportamenti di isolamento o di evitamento, potresti beneficiare della consulenza.

Mentre a volte potresti sentirti senza speranza, ricorda che, con il tempo e lo sforzo, l’ipervigilanza può essere superata.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *