Malattia di Crohn e dolori articolari: qual è la connessione?

Le persone con malattia di Crohn hanno un’infiammazione cronica nel rivestimento del tratto digestivo. La causa esatta della malattia di Crohn non è nota, ma questa infiammazione comporta una reazione eccessiva del sistema immunitario. Il sistema immunitario confonde sostanze innocue, come cibo, batteri benefici o il tessuto intestinale stesso, per una minaccia e li attacca. Nel tempo, ciò provoca infiammazione cronica. A volte, questa reazione eccessiva può causare problemi in altre aree del corpo al di fuori del tratto gastrointestinale. Il più comune è nelle articolazioni.
La malattia di Crohn ha anche una componente genetica. In altre parole, le persone con particolari mutazioni genetiche sono più sensibili alla malattia di Crohn. La ricerca ha scoperto che queste stesse mutazioni genetiche sono anche correlate ad altri tipi di condizioni infiammatorie, come la psoriasi, l’artrite reumatoide e la spondilite anchilosante. L’artrite è una condizione infiammatoria delle articolazioni che provoca dolore alle articolazioni. Se hai la malattia di Crohn, potresti anche essere ad aumentato rischio di artrite.

Dolori articolari vs. artrite

Possono verificarsi due tipi di problemi articolari se si ha la malattia di Crohn:

  • artrite:  dolore con infiammazione
  • artralgia:  dolore senza infiammazione

Se hai dolori alle articolazioni senza gonfiore, allora hai l’artralgia. Circa il 40-50% delle persone con malattia infiammatoria intestinale (IBD) hanno l’artralgia ad un certo punto della loro vita. Crohn’s è un tipo di IBD. L’artralgia può verificarsi in molte diverse articolazioni in tutto il corpo. I luoghi più comuni sono le ginocchia, le caviglie e le mani. L’artralgia della malattia di Crohn non causa danni alle articolazioni.

L’artrite, d’altra parte, significa infiammazione. Se hai l’artrite, le articolazioni saranno dolorose e anche gonfie. L’artrite può interessare fino al 20% delle persone con malattia di Crohn. L’artrite che si verifica con la malattia di Crohn è un po ‘diversa dall’artrite regolare perché inizia in giovane età.

Quale tipo di artrite è più comune nelle persone con malattia di Crohn?

Esistono tre principali tipi di artrite che possono verificarsi nelle persone con malattia di Crohn.

Artrite periferica

La maggior parte dell’artrite che si verifica nelle persone con malattia di Crohn è chiamata artrite periferica. Questo tipo di artrite colpisce le grandi articolazioni, come quelle di ginocchia, caviglie, gomiti, polsi e fianchi. Il dolore articolare si verifica in genere contemporaneamente alle riacutizzazioni di stomaco e intestino. Questo tipo di artrite in genere non provoca erosione articolare e danni permanenti alle articolazioni.

Artrite simmetrica

Una percentuale minore di quelli con malattia di Crohn ha un tipo di artrite nota come poliartrite simmetrica. La poliartrite simmetrica può portare a un’infiammazione in una qualsiasi delle articolazioni, ma in genere provoca dolore alle articolazioni delle mani.

Spondilite anchilosante

Infine, una piccola percentuale di persone con malattia di Crohn svilupperà una grave condizione nota come spondilite anchilosante (AS). Questa condizione infiammatoria progressiva colpisce le articolazioni sacro-iliache e la colonna vertebrale. I sintomi includono dolore e rigidità nella parte inferiore della colonna vertebrale e vicino alla parte inferiore della schiena alle articolazioni sacro-iliache. Alcune persone possono anche avere sintomi di AS mesi o anni prima che compaiano i sintomi della malattia di Crohn. Questo tipo di artrite può portare a danni permanenti.

Trattare dolori articolari

Normalmente, i medici raccomanderebbero l’uso di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) come aspirina (Bufferin) o ibuprofene (Motrin IB, Aleve) per alleviare dolori articolari e gonfiore. Tuttavia, i FANS non sono raccomandati per le persone con malattia di Crohn. Possono irritare il rivestimento intestinale e peggiorare i sintomi. Per il dolore minore, il medico può raccomandare l’uso di paracetamolo (Tylenol).

Sono disponibili diversi farmaci da prescrizione per aiutare con dolori articolari. Molti di questi trattamenti si sovrappongono ai farmaci per la malattia di Crohn:

  • sulfasalazina (Azulfidine)
  • corticosteroidi
  • metotressato
  • nuovi agenti biologici come infliximab (Remicade), adalimumab (Humira) e certolizumab pegol (Cimzia)

Oltre ai farmaci, potrebbero essere utili le seguenti tecniche domestiche:

  • riposo dell’articolazione colpita
  • glassa ed elevazione dell’articolazione
  • facendo alcuni esercizi per ridurre la rigidità e rafforzare i muscoli intorno alle articolazioni che possono essere prescritti da un terapista fisico o occupazionale

L’esercizio fisico aiuta a migliorare la gamma di movimento delle articolazioni e aiuta anche ad alleviare lo stress. Possono essere utili esercizi cardio a basso impatto come nuoto, cyclette, yoga o tai chi, nonché allenamento della forza.

Quando vedere il medico

In caso di dolori articolari, consultare il medico. Potrebbero voler eseguire test diagnostici per escludere altre cause del dolore. Il medico potrebbe anche voler modificare i farmaci per la malattia di Crohn. Occasionalmente, i dolori articolari potrebbero essere correlati agli effetti collaterali dei farmaci.

Il medico può consigliare un fisioterapista per aiutarti a sviluppare un programma di esercizi per le articolazioni.

Outlook per dolori articolari

Il dolore articolare per le persone con malattia di Crohn dura in genere solo un breve periodo e di solito non provoca deformità permanenti. Il dolore alle articolazioni migliorerà con il miglioramento dei sintomi intestinali. Con i sintomi gastrointestinali domati dai farmaci e dalla dieta, le prospettive per le articolazioni sono generalmente buone.

Tuttavia, se hai anche ricevuto una diagnosi di AS, le prospettive sono più variabili. Alcune persone migliorano nel tempo, mentre altre peggiorano progressivamente. Con i trattamenti moderni, l’aspettativa di vita per le persone con AS in genere non è influenzata.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *