C’è ancora molto che non sappiamo sulla fibromialgia, il che potrebbe essere il motivo per cui persistono i miti su questa condizione.

Le origini del dolore fibromialgico sono spesso poco conosciute.

La fibromialgia è un disturbo cronico del sistema nervoso centrale che provoca dolore in tutto il corpo e affaticamento.

Ogni persona affetta da fibromialgia la sperimenta in modo diverso, il che spiega in parte i malintesi e i miti che spesso circondano questa malattia. 

Conoscere i fatti sulla fibromialgia – ed essere in grado di separarli dai miti – è essenziale per fare le scelte migliori per controllare la condizione.

“Più il paziente è informato e attivo, meglio se la cava in tali condizioni”, afferma   Don L. Goldenberg, MD  , reumatologo e professore emerito di medicina e infermieristica presso l’Università della Salute e delle Scienze Umane. Dall’Oregon a Portland . “Hanno davvero bisogno di informazioni mediche solide.

Con questo in mente, ecco 10 idee sbagliate ampiamente diffuse sulla fibromialgia, insieme a ciò che sappiamo essere vero:

Mito 1: non è un vero disturbo

Fatto:   per le persone che avvertono il   dolore e altri sintomi associati alla fibromialgia  , il disturbo è fin troppo reale, afferma il dottor Goldenberg.

Questa malattia provoca “dolore muscolare cronico e generalizzato”, osserva. “Prima che le persone si rivolgano a un medico, di solito passano diversi mesi o anni” dalla comparsa dei sintomi.

Ma molti medici, lamenta il dottor Goldenberg, ancora non capiscono questa malattia.

“La maggior parte dei medici pensa che se hai dolore al gomito, al ginocchio o alla spalla, la patologia è direttamente in quelle aree”, dice. “Nella fibromialgia, non funziona. Il dolore in realtà proviene dal cervello.

Questo malinteso sull’origine del dolore, afferma il dottor Goldenberg, è “uno dei motivi per cui è molto controverso ed è stato per lungo tempo una sorta di pooh-puoh del ‘è tutto nella tua testa.’

Mito 2:   La fibromialgia è una diagnosi “pigliatutto”.

Fatto:   la fibromialgia ha criteri diagnostici specifici, sviluppati dall’American College of Rheumatology (ACR).

Molte persone ritengono che la fibromialgia sia una diagnosi “pigliatutto” o “di riserva” perché per diagnosticarla non vengono utilizzati test o sintomi evidenti.

“C’è molto poco da vedere durante un esame fisico”, afferma il dottor Goldenberg. “I test di laboratorio per cercare le cause del dolore sono all’ordine del giorno. »

Secondo l’ACR, la fibromialgia viene diagnosticata in base ai seguenti fattori.

  • Molteplici aree dolorose del corpo (su entrambi i lati, sopra e sotto la vita)
  • Ulteriori sintomi, come affaticamento, scarso sonno e difficoltà a pensare o concentrarsi
  • Sintomi che durano almeno tre mesi
  • Nessun’altra causa apparente di questi sintomi

Mito 3:   la fibromialgia colpisce solo le donne

Fatto:   secondo la National Fibromyalgia Association (NFA), tra il 75 e il 90{f3a6a30fe8ec83c88e3a096004ddf2d5481b76e701b36185325949387956c891} delle persone con diagnosi di questa condizione sono donne.

Secondo la NFA, la fibromialgia colpisce circa 10 milioni di adulti negli Stati Uniti, il che significa che tra 1 milione e 2,5 milioni di uomini negli Stati Uniti sono stati diagnosticati con fibromialgia.

Ma il dottor Goldenberg afferma che la reale incidenza tra gli uomini potrebbe essere ancora più elevata, perché i pregiudizi di genere possono svolgere un ruolo nel modo in cui i medici diagnosticano la fibromialgia.

Mito 4:   fibromialgia e artrite sono la stessa malattia

Fatto:   la fibromialgia e l’artrite hanno poco in comune oltre alla sensazione di dolore e stanchezza.

A differenza dell’artrite, la fibromialgia “non colpisce principalmente le articolazioni. Ciò colpisce i muscoli e i tessuti molli”, afferma il dott. Goldenberg.

E a differenza dell’artrite e di altri  disturbi reumatici (di tipo artritico)  , la fibromialgia non è una malattia caratterizzata da infiammazione. In effetti, i marcatori di infiammazione tendono ad essere normali.

Invece del dolore proveniente da una zona infiammata del corpo, nella fibromialgia “il dolore proviene in realtà dal cervello, dal sistema nervoso centrale”, afferma il dottor Goldenberg.

Mito 5:   è necessaria una dieta speciale per la fibromialgia

Fatto:   secondo il National Institutes of Health (NIH), nessuna dieta specifica riduce i sintomi della fibromialgia.

Dovresti invece concentrarti semplicemente su  una dieta sana ed equilibrata  che includa cereali integrali,  fonti proteiche magre  , latticini a basso contenuto di grassi, frutta e verdura e molta acqua.

È anche una buona idea limitare l’assunzione di  caffeina  , zuccheri raffinati, cibi fritti, carne rossa,  alimenti trasformati  e alcol.

Mito 6:   i trattamenti complementari e alternativi sono inutili

Fatto:   le terapie di movimento meditativo, come il tai chi, lo yoga e il qigong, sembrano migliorare i sintomi della fibromialgia, secondo uno studio pubblicato sulla rivista   Rheumatology International.   (  1  )

In questo studio sono stati osservati miglioramenti misurati nelle aree dei disturbi del sonno, della stanchezza e della depressione.

E in uno studio pubblicato sulla stessa rivista, un massaggio del tessuto connettivo si è rivelato efficace contro il dolore, l’affaticamento e i disturbi del sonno nelle donne affette da fibromialgia. (  2  )

Mito 7:   dovresti evitare l’esercizio fisico

Fatto:   secondo l’American College of Rheumatology,  l’esercizio fisico è il trattamento più efficace  per la fibromialgia .

L’esercizio aerobico  , in particolare, ha dimostrato di essere utile nel ridurre i sintomi della fibromialgia. Ciò include attività come camminare, andare in bicicletta, nuotare e fare aerobica in acqua.

Ma il dottor Goldenberg ritiene che anche lo stretching e  l’allenamento della forza  aiutino molte persone. L’allenamento per la forza può significare l’uso di pesi, macchine per esercizi, fasce per esercizi o il proprio peso corporeo per la resistenza.

Sebbene l’esercizio fisico possa essere doloroso o difficile all’inizio se si soffre di fibromialgia, un’attività fisica regolare può aiutare a migliorare i sintomi e rendere l’esercizio più facile.

Mito 8:   sei solo stanco

Fatto:   l’affaticamento associato alla fibromialgia va ben oltre la semplice sensazione di stanchezza. Come osserva il dottor Goldenberg, questa malattia provoca “enorme stanchezza”. Le persone sono molto esauste.

Sebbene l’affaticamento sia un sintomo comune della fibromialgia, un articolo pubblicato sulla rivista   Arthritis Research & Therapy   conclude che non si verifica in modo isolato. (  3  )

Invece, la fatica associata alla fibromialgia è strettamente legata ad altri sintomi, tra cui dolore, problemi del sonno e disturbi dell’umore, e tutti questi sintomi possono influenzarsi a vicenda.

Mito 9: puoi prendere una pillola per far scomparire i sintomi della fibromialgia

Fatto:   i trattamenti farmacologici non funzionano molto bene per molte  persone affette da fibromialgia  .

“La verità è che non abbiamo farmaci molto efficaci”, afferma il dottor Goldenberg. “Funzionano bene forse in uno su tre o quattro pazienti.”

Anche se potresti notare alcuni benefici dall’assunzione di un farmaco approvato per il trattamento della fibromialgia, i tuoi sintomi probabilmente diminuiranno anziché scomparire.

Probabilmente dovrai anche incorporare misure relative allo stile di vita, come esercizio fisico, riduzione dello stress, buone abitudini di sonno e possibilmente terapia cognitivo comportamentale (CBT), nel tuo piano di trattamento.

Mito 10:   non c’è niente che tu possa fare

Fatto:   anche se non esiste una cura per la fibromialgia – e i farmaci non funzionano per tutti – esiste ancora una vasta gamma di opzioni di trattamento.

“Gli approcci non farmacologici funzionano altrettanto bene o meglio” dei farmaci per molte persone affette da fibromialgia, osserva il dottor Goldenberg.

Se il trattamento attuale non ti dà il sollievo di cui hai bisogno, collabora con il tuo medico per provare qualcosa di nuovo, che si tratti di esercizio fisico, farmaci da prescrizione, antidolorifici da banco o trattamenti alternativi, come massaggi o movimenti meditativi. .

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *