Man with stomach and head pain at home.

 

I ricercatori della School of Medicine dell’Università del Missouri hanno scoperto un legame tra la sindrome dell’intestino irritabile (IBS) e disturbi somatici, come la fibromialgia e la sindrome da stanchezza cronica.

L’IBS è un disturbo dello stomaco e dell’intestino che colpisce fino al 15{f3a6a30fe8ec83c88e3a096004ddf2d5481b76e701b36185325949387956c891} della popolazione. Provoca crampi, dolori addominali, gonfiore, gas e diarrea. Lo studio ha esaminato più di 1,2 milioni di ricoveri di pazienti con IBS in 4.000 ospedali statunitensi in un periodo di tre anni e ha scoperto che i pazienti con IBS avevano cinque volte più probabilità di avere fibromialgia, un disturbo muscoloscheletrico cronico, rispetto alla popolazione adulta generale senza IBS. . Allo stesso modo, i pazienti con IBS avevano un rischio significativamente più elevato di soffrire di sindrome da stanchezza cronica (CFS), una condizione che causa grave affaticamento, disfunzione cognitiva e disturbi del sonno, rispetto alla popolazione senza IBS.

 

Poiché i pazienti con sindrome dell’intestino irritabile hanno una maggiore prevalenza di comorbilità somatiche come la fibromialgia e la sindrome da stanchezza cronica, l’identificazione e il trattamento di questi disturbi possono migliorare la loro qualità di vita”, ha affermato il ricercatore principale Zahid Ijaz Tarar, MD, ricercatore della Divisione di Gastroenterologia ed Epatologia presso la Facoltà di Medicina dell’Università del Missouri. “L’identificazione precoce delle comorbidità è utile per definire le strategie di trattamento, compresa la consultazione con altre specialità come la reumatologia e la psichiatria per migliorare i risultati generali sulla salute dei pazienti con IBS”. »

Questi risultati si basano su ricerche precedenti che hanno collegato l’IBS a problemi di salute mentale, come ansia, depressione e ideazione suicidaria.

 

L’elevata incidenza di queste condizioni corporee a seguito dell’IBS causata da infezioni gastrointestinali e il conseguente uso di antibiotici hanno portato i ricercatori a ipotizzare che uno squilibrio tra i batteri intestinali e un intestino che consente alle tossine di penetrare nel flusso sanguigno potrebbe svolgere un ruolo nel loro sviluppo.

“Questo è ancora un altro esempio in cui le condizioni intestinali sono collegate a condizioni in altre parti del corpo e della mente”, ha affermato l’autore principale Yezaz Ghouri, MD, assistente professore di medicina clinica e gastroenterologia. “Mentre continuiamo a saperne di più sugli effetti della salute intestinale sulla salute altrove, è importante che i medici cerchino e gestiscano le comorbilità somatiche nei pazienti con IBS”.

Prevalenza della fibromialgia e della sindrome da stanchezza cronica nelle persone con sindrome dell’intestino irritabile: un’analisi del database nazionale di campioni di pazienti ospedalieri statunitensi è stata recentemente pubblicata su Biomedicines..

 

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *