I risultati dello studio UTSW possono aiutare i medici a diagnosticare i pazienti che trarrebbero beneficio dalle valutazioni delle allergie ai farmaci

 

I pazienti con fibromialgia e sindrome dell’intestino irritabile (IBS) che assumono più farmaci hanno maggiori probabilità di sviluppare una grave intolleranza ai farmaci rispetto ai pazienti sani, hanno riferito i ricercatori dell’UT Southwestern Medical Center. I loro risultati, pubblicati su The Journal of Allergy and Clinical Immunology: In Practice, potrebbero aiutare gli operatori sanitari a prescrivere farmaci ai pazienti e a identificare piani di trattamento per la sindrome da intolleranza multipla ai farmaci (MDIS).

“Ai pazienti con fibromialgia e IBS viene spesso prescritta una varietà di farmaci ed è ragionevole aspettarsi che avranno maggiori difficoltà legate ai farmaci. Il nostro studio ha rilevato che questi pazienti corrono un rischio più elevato di sviluppare MDIS”, ha affermato David Khan, MD, professore di medicina interna e pediatria e membro della divisione di allergia e immunologia presso UT Southwestern.

Secondo i ricercatori, la MDIS colpisce circa il 2-6% della popolazione statunitense ed è più comune tra le donne anziane. I pazienti con MDIS spesso sperimentano molteplici problemi di salute, tra cui ansia, depressione e ridotta qualità della vita.

La diagnosi di MDIS richiede l’identificazione del numero di farmaci ai quali i pazienti hanno reazioni avverse e la determinazione del tipo di reazioni, comprese intolleranze e allergie. Le reazioni di intolleranza ai farmaci, come mal di testa, nausea o diarrea, sono spesso erroneamente identificate ed etichettate nelle cartelle cliniche come allergie ai farmaci indotte da reazioni eccessive del sistema immunitario.

I ricercatori dell’UTSW hanno classificato i farmaci e le reazioni per comprendere la gravità dell’intolleranza dei pazienti ai trattamenti. Hanno cercato nelle cartelle cliniche da agosto 2019 a luglio 2020 i pazienti del sud-ovest dell’UT con diagnosi di fibromialgia e IBS, quindi hanno classificato le cartelle cliniche in base ai tipi di farmaci utilizzati. Se i pazienti riportavano reazioni avverse da tre o più tipi di farmaci, venivano classificati come affetti da MDIS o MDIS grave.

Se un paziente aveva più reazioni avverse allo stesso farmaco, i ricercatori le contavano ciascuna come un evento separato. Utilizzando questo metodo di etichettatura, i ricercatori hanno identificato i pazienti con MDIS grave come quelli che avevano avuto reazioni avverse a 10 o più farmaci.

Dopo aver analizzato 16.789 voci di registrazione, i ricercatori hanno utilizzato metodi statistici per determinare se la MDIS è più prevalente nella fibromialgia e nell’IBS rispetto ai pazienti sani con dati demografici simili. Hanno scoperto che i pazienti con fibromialgia e IBS avevano rispettivamente 12 e 3 volte più probabilità di sviluppare MDIS grave rispetto ai pazienti della stessa età e sesso senza questi disturbi.

Lo studio ha confermato che la politerapia, ovvero l’assunzione di più farmaci, aumenta le possibilità di sviluppare MDIS. Ciò può derivare dall’esposizione prolungata a un singolo farmaco o dalla prescrizione di più farmaci meno efficaci per gestire gli effetti collaterali.

Gli oppioidi causano la più alta intolleranza ai farmaci segnalata nei pazienti con fibromialgia e IBS, un risultato che differisce da altri studi MDIS in cui gli antibiotici o i farmaci antinfiammatori sono stati spesso i più comuni, ha affermato il dottor Khan.

Questo studio evidenzia la necessità di efficaci strategie step-down per i pazienti con comorbilità multiple e di garantire opzioni terapeutiche adeguate per MDIS.

“I pazienti con diagnosi di fibromialgia e IBS, in particolare quelli le cui cartelle cliniche contengono più etichette di allergie ai farmaci, possono trarre beneficio dalle valutazioni di uno specialista allergologo per personalizzare un trattamento efficace”, ha affermato il dottor Khan.

Secondo il dottor Khan, questo studio è stato progettato e condotto in modo indipendente dalla prima autrice Alicia Alvarez, MD, ex membro della Divisione di allergia e immunologia dell’UTSW, con la guida e il tutoraggio del dottor Khan e Jayme Palka, Ph.D. , assistente professore di psichiatria.

Il dottor Khan è anche direttore del programma di borse di studio per allergie e immunologia dell’UTSW e direttore della clinica per allergie e asma presso Parkland Health.

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *