Nel campo del dolore cronico, la fibromialgia è una delle malattie più comuni. Secondo lo  studio EPISER 2016 , pubblicato nel 2020, si stima che ne soffra il 2,37% della popolazione spagnola, ovvero circa 700.000 persone colpite.

Ancora più sorprendente è la prevalenza basata sul sesso, poiché abbiamo riscontrato un rapporto femmine-maschi di 21:1. Ciò significa che il 90% dei pazienti diagnosticati sono donne.

Non riconosciuta fino al 1992 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, questa condizione è definita da due caratteristiche: dolore diffuso per almeno tre mesi e una reazione dolorosa alla pressione in almeno 11 dei 18 punti che corrispondono alle aree più sensibili del organismo.

Oltre la sofferenza fisica

Ma i pazienti affrontano sofferenze che vanno oltre l’aspetto fisico. In primo luogo, riscontrano una qualità di vita peggiore non solo rispetto agli individui sani, ma anche rispetto ai coetanei affetti da altre patologie reumatiche che provocano dolori al sistema articolare.

In secondo luogo, soffrono l’aggravarsi di un’incomprensione sociale generalizzata, che si traduce in paura e frustrazione. L’incredulità e il rifiuto provocati dalla fibromialgia li porta a non rivolgersi agli operatori sanitari. E alcuni di questi professionisti dubitano addirittura dell’esistenza della malattia stessa.

Abuso di farmaci

Il trattamento della patologia è complesso. Da un lato i farmaci agiscono su uno o più sintomi, ma non producono un miglioramento complessivo. Di conseguenza, l’insoddisfazione per questi risultati provoca un aumento generale del consumo di farmaci.

In uno studio condotto dal nostro team abbiamo osservato che le persone colpite assumevano fino a 19 farmaci diversi al giorno. A causa di questa eccessiva medicazione, gli specialisti scelgono di aggiungere trattamenti non farmacologici. Tra i più utilizzati ci sono l’esercizio fisico (sia aerobico che di resistenza e flessibilità) e la terapia psicologica.

Negli ultimi anni hanno cominciato ad essere applicati anche programmi completi o multicomponenti, tra cui la meditazione, lo yoga terapeutico, l’educazione alla neuroscienza del dolore o sessioni per imparare a gestire le emozioni in situazioni conflittuali. I risultati positivi ci fanno riflettere sull’importanza degli aspetti psicosociali nella percezione della malattia.

Più infelice della media

In accordo con quanto sopra, ci proponiamo di analizzare il profilo psicologico e sociodemografico delle donne con diagnosi di questa patologia e la sua influenza sulla qualità della vita che hanno vissuto.  I nostri risultati , presentati al  Giennenses Studies Institute , hanno confermato che le donne con fibromialgia si percepiscono meno felici rispetto alla popolazione generale e sono meno soddisfatte della propria vita. Questa infelicità non è legata solo al dolore, ma entrano in gioco fattori come la relazione e la solitudine percepita.

Altre ricerche  suggeriscono che la fibromialgia provoca una cattiva percezione della propria salute, e che questo è ciò che influenza negativamente l’ambiente familiare e sociale della persona che ne soffre. La malattia, quindi, colpisce i rapporti di coppia e non viceversa.

Allo stesso modo, abbiamo trovato una forte relazione tra la solitudine percepita, o solitudine che la donna colpita prova nonostante viva con una famiglia, e il numero di farmaci consumati o l’indice di massa corporea. Sono aspetti che peggiorano anche la qualità della vita.

Nuove strategie

I nostri risultati ci fanno pensare che l’uso di strategie di coping, gestione emotiva e terapie multicomponente aiuterebbero le persone colpite ad affrontare la malattia. Queste strategie consistono nell’insegnare alle donne ad affrontare le situazioni che si creano durante gli episodi più acuti della malattia, a gestire le proprie emozioni e a utilizzare terapie, come complemento ai farmaci, che si sono dimostrate efficaci. Inoltre, potrebbero influenzare la riduzione del consumo di farmaci.

Insomma, l’approccio multidisciplinare a questa patologia deve completarsi con una profonda conoscenza della realtà sociale della donna che ne soffre. Solo così sarà possibile migliorare la qualità della vita, oltre ad alleviare sintomi e dolore..

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *