La ricerca ha costantemente dimostrato un legame tra fibromialgia e mal di testa cronico come emicrania e cefalea tensiva. La natura comorbile di queste condizioni può avere conseguenze negative significative, sia fisiche che emotive, per i pazienti. Diamo uno sguardo più da vicino alle esperienze associate alla concomitanza di queste afflizioni. Sebbene a prima vista ciò possa sembrare desolante, forniamo anche suggerimenti specifici su come gestirli meglio e migliorare i risultati.

Quante persone con fibromialgia soffrono di mal di testa cronico?
Tra i soggetti con diagnosi di fibromialgia, il mal di testa cronico è uno dei sintomi o comorbilità più comuni dopo il dolore generalizzato e l’affaticamento. Questi “mal di testa” possono in realtà essere diagnosticati in molte forme: emicrania trasformata o cronica (con o senza aura), cefalea tensiva cronica e cefalea a grappolo, solo per citarne alcune. Sebbene le statistiche varino, i ricercatori hanno suggerito che la comorbilità del mal di testa cronico può esistere fino al 76% dei pazienti con fibromialgia. L’emicrania tende ad essere il più comune di questi mal di testa, con studi separati che mostrano che più della metà probabilmente soffriva di emicrania.1-2

Qual è l’impatto fisico della fibromialgia e delle comorbidità legate al mal di testa?
Sfortunatamente, ci sono sfide uniche se ti è stata diagnosticata sia la fibromialgia che un mal di testa primario, in particolare l’emicrania cronica o trasformata. I pazienti possono tendere a manifestare un numero maggiore di attacchi di dolore (circa 20 al mese) e sono stati registrati come affetti da una media di 19 attacchi di emicrania al mese. Si ricorda che 15 giorni di emicrania al mese soddisfano i criteri diagnostici di cronicità. Inoltre, l’emicrania cronica sembra avere un’influenza diretta sulle riacutizzazioni della fibromialgia, con l’87% di esse che si verificano entro 12 ore dall’attacco di emicrania.3 Ciò potrebbe significare che l’emicrania agisce come un “fattore scatenante” indipendente della fibromialgia. Sebbene i livelli complessivi di dolore fossero comparabili, un piccolo studio ha mostrato un peggioramento della gravità del mal di testa quando erano presenti emicrania cronica e fibromialgia.4

Inoltre, ogni sottotipo di mal di testa può manifestarsi con i propri sintomi. Chi soffre di emicrania può sperimentare quella che viene chiamata aura o un insieme di sintomi pre-attacco, come sfarfallio visivo o nausea. Allo stesso modo, anche i mal di testa variano: alcuni avvertono mal di testa pulsante più vicino all’occhio (mal di testa a grappolo), altri lo hanno localizzato su un lato della testa e lo descrivono come pulsante sordo (emicrania), e alcuni addirittura non hanno dolore cranico alla testa. tutto (aura emicranica senza mal di testa). La cosa ancora più complicata è che i sintomi fisici sono diversi da persona a persona e da un attacco all’altro.

Sebbene gli effetti fisiologici siano variabili, la ricerca ha dimostrato che livelli più elevati di sensibilità pericranica nei muscoli attorno al cranio sono stati segnalati da pazienti con entrambi i disturbi. In uno studio più recente, i pazienti con emicrania cronica avevano maggiori probabilità di soffrire di fotofobia – o sensibilità dolorosa alla luce – se soffrivano anche di fibromialgia.5-6 La nostra indagine su persone con sensibilità alla luce ha rivelato risultati simili, in particolare:

 

La fibromialgia era un migliore predittore della sensibilità alla luce e della fotofobia tra attacchi o riacutizzazioni (come durante i periodi senza dolore) nei pazienti con emicrania e mal di testa cronico.

Il 97% degli intervistati con entrambe le condizioni ha affermato che la luce è un fattore scatenante del dolore e di altri sintomi. Questa cifra era più alta rispetto a coloro che soffrivano solo di emicrania o di un altro mal di testa.
Allo stesso modo, la sensibilità al suono (chiamata fonofobia) era una caratteristica comune di entrambe le condizioni.

Perché mal di testa ed emicrania peggiorano i sintomi della fibromialgia?
I ricercatori hanno anche dimostrato che si verificava una diminuzione della soglia del dolore in varie parti del corpo, inclusi tessuti, pelle e muscoli. Sebbene non sorprendesse per entrambe le condizioni a causa dell’elevata prevalenza di sensibilità sensoriali, la tolleranza al dolore era significativamente più bassa nei soggetti con diagnosi di emicrania cronica e fibromialgia in comorbidità. Ciò suggerisce che le due condizioni possono condividere fisiopatologie o processi simili che contribuiscono all’insorgenza dei sintomi. Si ritiene che l’ipersensibilità del sistema nervoso centrale caratterizzi l’emicrania cronica e la fibromialgia e pertanto possa essere ancora più pronunciata quando si verificano insieme. Un’altra interessante teoria collega i disturbi del sonno (un effetto collaterale comune della fibromialgia) ad un’alterata risposta al dolore; Questo perché i pazienti non sono in grado di “distrarsi” dal dolore fisico quando sono eccessivamente stanchi o affaticati.7

In che modo la diagnosi di queste due condizioni influisce sulla qualità della vita?
Se soffri già di mal di testa cronico associato alla fibromialgia, probabilmente noterai gravi conseguenze sulla tua vita quotidiana. L’84% degli intervistati ha già riconosciuto che ciò ha conseguenze dannose sulle loro attività quotidiane e sulla produttività. Avevano anche punteggi di qualità della vita più bassi e livelli più alti di disagio mentale.8 Anche ansia, depressione e insonnia – associate indipendentemente a emicrania e fibromialgia – sono state osservate a livelli più alti, quando sono entrambe presenti.

Inoltre, l’ulteriore complicazione della sensibilità alla luce può peggiorare i risultati personali e professionali. La nostra analisi ha dimostrato che la sensibilità alla luce associata a queste condizioni limita in modo significativo gli obblighi lavorativi, i rapporti con familiari e amici e la possibilità di recarsi nei grandi magazzini e nei negozi di alimentari. Considerato che un’alta percentuale di pazienti affetti da emicrania e fibromialgia soffrono anche di fotofobia, questo impatto può purtroppo peggiorare il problema
.

La fibromialgia era un migliore predittore della sensibilità alla luce e della fotofobia tra attacchi o riacutizzazioni (come durante i periodi senza dolore) nei pazienti con emicrania e mal di testa cronico.

Il 97% degli intervistati con entrambe le condizioni ha affermato che la luce è un fattore scatenante del dolore e di altri sintomi. Questa cifra era più alta rispetto a coloro che soffrivano solo di emicrania o di un altro mal di testa.
Allo stesso modo, la sensibilità al suono (chiamata fonofobia) era una caratteristica comune di entrambe le condizioni.

Perché mal di testa ed emicrania peggiorano i sintomi della fibromialgia?
I ricercatori hanno anche dimostrato che si verificava una diminuzione della soglia del dolore in varie parti del corpo, inclusi tessuti, pelle e muscoli. Sebbene non sorprendesse per entrambe le condizioni a causa dell’elevata prevalenza di sensibilità sensoriali, la tolleranza al dolore era significativamente più bassa nei soggetti con diagnosi di emicrania cronica e fibromialgia in comorbidità. Ciò suggerisce che le due condizioni possono condividere fisiopatologie o processi simili che contribuiscono all’insorgenza dei sintomi. Si ritiene che l’ipersensibilità del sistema nervoso centrale caratterizzi l’emicrania cronica e la fibromialgia e pertanto possa essere ancora più pronunciata quando si verificano insieme. Un’altra interessante teoria collega i disturbi del sonno (un effetto collaterale comune della fibromialgia) ad un’alterata risposta al dolore; Questo perché i pazienti non sono in grado di “distrarsi” dal dolore fisico quando sono eccessivamente stanchi o affaticati.7

In che modo la diagnosi di queste due condizioni influisce sulla qualità della vita?
Se soffri già di mal di testa cronico associato alla fibromialgia, probabilmente noterai gravi conseguenze sulla tua vita quotidiana. L’84% degli intervistati ha già riconosciuto che ciò ha conseguenze dannose sulle loro attività quotidiane e sulla produttività. Avevano anche punteggi di qualità della vita più bassi e livelli più alti di disagio mentale.8 Anche ansia, depressione e insonnia – associate indipendentemente a emicrania e fibromialgia – sono state osservate a livelli più alti, quando sono entrambe presenti.

Inoltre, l’ulteriore complicazione della sensibilità alla luce può peggiorare i risultati personali e professionali. La nostra analisi ha dimostrato che la sensibilità alla luce associata a queste condizioni limita in modo significativo gli obblighi lavorativi, i rapporti con familiari e amici e la possibilità di recarsi nei grandi magazzini e nei negozi di alimentari. Considerato che un’alta percentuale di pazienti affetti da emicrania e fibromialgia soffrono anche di fotofobia, questo impatto può purtroppo peggiorare il problema…

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *