Violenza domestica
Secondo uno studio che ha coinvolto infermieri ricercatori, i sopravvissuti alla violenza domestica hanno il doppio delle probabilità di sviluppare malattie a lungo termine che causano dolore corporeo diffuso e stanchezza estrema.

I ricercatori hanno scoperto che le donne che avevano subito violenza domestica avevano quasi il doppio delle probabilità di sviluppare fibromialgia e sindrome da stanchezza cronica (CFS) rispetto a quelle che non avevano subito violenza domestica.

Lo studio, il primo nel suo genere, ha esaminato i dati dei medici di base risalenti tra il 1995 e il 2017 di 18.547 donne che avevano subito violenza domestica, rispetto a 74.188 che non l’avevano subita.

Secondo lo studio collaborativo dell’Università di Chicago, il rapporto del tasso di incidenza per lo sviluppo della fibromialgia era 1,73 e 1,91 per lo sviluppo della CFS.

Birmingham e Warwick.

Ciò fa seguito a un precedente studio dell’Università di Birmingham, pubblicato nel giugno 2019, che mostrava che le vittime di violenza domestica nel Regno Unito avevano tre volte più probabilità di sviluppare gravi malattie mentali.

Ma fino ad ora, pochi studi hanno valutato la relazione tra le donne vittime di abusi e la probabilità che sviluppino malattie a lungo termine come la fibromialgia e la CFS.

L’autrice dello studio, la professoressa Julie Taylor, della School of Nursing dell’Università di Birmingham, ha dichiarato: “Le sopravvissute alla violenza domestica possono sperimentare un immenso stress fisiologico e psicologico.

 

“I cambiamenti che si verificano nel corpo a causa di tale stress possono portare a una serie di problemi di salute, come quello che osserviamo nel nostro studio qui”, ha detto.

“Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per stabilire i percorsi biopsicosociali che sono alla base di questo legame tra maltrattamenti e questi tipi di problemi di salute”.

Ha aggiunto: “Si tratta di una relazione molto complessa ed è importante sottolineare che non tutte le donne che hanno subito abusi svilupperanno fibromialgia o CFS, e che queste condizioni non significano che vi sia stata violenza domestica in passato. »

Il dottor Joht Singh Chandan, dell’Istituto di ricerca sanitaria applicata dell’Università di Birmingham e della Warwick Medical School, ha dichiarato: “Stime recenti nel Regno Unito suggeriscono che il 27,1% delle donne ha subito una forma di violenza domestica.

“Data la prevalenza della violenza domestica e il fatto che i pazienti con fibromialgia e CFS spesso affrontano ritardi nella diagnosi a causa di una comprensione generalmente limitata di come queste condizioni siano causate, è importante che i medici tengano presente che le donne sopravvissute alla violenza sono corrono un rischio maggiore di soffrire di queste condizioni”, ha detto.

“Speriamo che questi risultati iniziali della ricerca cambieranno la pratica sanitaria e contribuiranno alla diagnosi precoce della fibromialgia e della CFS nelle donne che hanno subito abusi”. »

Lo studio è una collaborazione tra l’Institute of Applied Health Research, la School of Nursing, l’Institute of Inflammation and Aging e il Dipartimento di Economia dell’Università di Birmingham, nonché l’Università di Warwick Medical School.

 

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *