1. La fibromialgia è una malattia riconosciuta a livello internazionale

È definita dall’associazione di dolore cronico generalizzato a livello muscolare e articolare, stanchezza significativa o estrema, disturbi del sonno, mal di testa e dolori di stomaco, problemi di concentrazione e di memoria, tendenza alla depressione e all’ansia. 

  1. La fibromialgia non provoca anomalie o alterazioni visibili alle analisi e ad altri esami

Non si osservano cambiamenti nel corpo dei pazienti affetti da fibromialgia, anche se si avverte dolore con movimenti multipli o anche con una leggera pressione locale. Le analisi e le radiografie sono del tutto normali, a meno che non vi sia un’altra malattia associata. Ciò contribuisce alla difficoltà della diagnosi, portando molti pazienti a passare da una specialità medica all’altra per anni senza una diagnosi. 

  1. I pazienti con fibromialgia hanno molteplici fonti di sofferenza

Oltre al dolore e all’affaticamento, che possono essere molto intensi, soprattutto al mattino, le notti del paziente sono disturbate da un sonno agitato e irrequieto. La stanchezza e la difficoltà di concentrazione riducono il rendimento lavorativo e familiare, sommandosi alla sofferenza causata dalle critiche degli altri e soprattutto dall’autocritica   ,  alimentata dallo spirito tipicamente perfezionista di questi pazienti. Mal di testa e dolori di stomaco, colon irritabile, dolori durante i rapporti sessuali e mancanza di respiro sono tra i sintomi aggiuntivi più comuni aggravati da un contesto psicologico con alti livelli di ansia, irritabilità, insoddisfazione e perfezionismo. 

Il ritardo nella diagnosi e l’incomprensione, se non la sfiducia, degli altri, di fronte ad una malattia invisibile, aumentano notevolmente il peso della malattia. 

  1. Il dolore e la sofferenza dei pazienti con fibromialgia sono reali

La ricerca scientifica non lascia dubbi su questo argomento: il cervello dei pazienti affetti da fibromialgia non si differenzia dagli altri quando elaborano il dolore che descrivono come di pari intensità. Ciò che accade è che i pazienti con fibromialgia avvertono questo dolore con molta meno stimolazione rispetto alle persone normali. Il cervello di questi pazienti amplifica il dolore in modo anomalo. La stessa cosa accade con altri stimoli come odori e rumori, che generalmente sono più sgradevoli per le persone affette da fibromialgia. 

  1. La fibromialgia può essere profondamente invalidante

L’intensità e l’impatto dei sintomi variano notevolmente da persona a persona e all’interno della stessa persona nel tempo. Le fasi di peggioramento possono essere molto difficili da tollerare per i pazienti nonostante la loro determinazione a rimanere attivi e utili. Nei casi più gravi, i pazienti potrebbero non essere in grado di alzarsi o lavorare per più di poche ore al giorno e potrebbero essere costretti a utilizzare ausili per la vita quotidiana, comprese le sedie a rotelle. 

  1. La fibromialgia è una malattia molto comune, soprattutto tra le donne

Circa il 4-6% delle donne adulte in tutto il mondo sono affette da fibromialgia. La stessa cosa accade con circa l’1% degli uomini adulti. Ciò conferisce alla fibromialgia la dimensione di un grave problema sanitario, con un enorme impatto individuale, sociale ed economico. 

Il motivo di questa disparità di genere non è del tutto   chiaro,   ma potrebbe essere spiegato, in parte, dalla differenza nell’elaborazione del dolore da parte del cervello maschile e femminile, dalla maggiore tendenza delle donne alla depressione e all’ansia, nonché dalla esigenze imposte dai molteplici ruoli sociali e familiari delle donne. 

  1. La causa della fibromialgia è sconosciuta

È noto che il cervello delle persone affette da fibromialgia reagisce in modo anomalo agli stimoli periferici, innescando dolore in circostanze in cui ciò normalmente non si verificherebbe. Tuttavia, non è noto se questa anomalia sia la causa primaria della malattia o se rappresenti semplicemente il riflesso di una causa più profonda. Esistono prove di una predisposizione genetica alla fibromialgia, attraverso geni legati alla modulazione del dolore. Un gruppo di ricercatori portoghesi (JAPS) ha recentemente proposto un modello innovativo, secondo il quale personalità e storia di vita possono essere determinanti: una vita cronicamente più aggressiva, o percepita come tale, provocherebbe uno stato di ipersensibilità del cervello al dolore e ad altre potenzialità . attacchi. 

  1. Lo stress ha un effetto dannoso sulla fibromialgia

Quasi tutti i pazienti con fibromialgia descrivono che episodi o periodi di maggiore stress, tristezza, preoccupazione e ansia sono seguiti da un peggioramento del dolore, dell’affaticamento e di altri sintomi della fibromialgia. Questa relazione è spesso riconosciuta come decisiva. I pazienti con fibromialgia tendono ad avere un proprio profilo psicologico, caratterizzato da elevate esigenze e perfezionismo, preoccupazioni permanenti e difficoltà a rilassarsi durante il riposo. Lo stress è, in queste condizioni, un compagno quasi costante, aggravato a sua volta dal dolore e dalla stanchezza. Il circolo vizioso negativo tende a perpetuarsi. 

  1. Il trattamento attuale non è molto efficace e non è facilmente accessibile

Il trattamento farmacologico attualmente proposto si basa sull’uso di antidepressivi,   antiepilettici   e miorilassanti. Non è un caso che tutti abbiano  fatto  sforzi contro l’ansia. Antidolorifici e antinfiammatori possono essere utili per brevi periodi di tempo. Gli oppioidi sono controindicati. Gli  effetti  del farmaco sono in media molto insoddisfacenti e  gli effetti  collaterali non sono rari. È stato  dimostrato che  l’esercizio fisico regolare  è benefico.

La psicoterapia, in diverse modalità, è uno degli interventi più promettenti. Tuttavia, i professionisti accreditati per queste modalità non se ne occupano e l’accesso è difficile per la maggior parte delle persone. 

  1. La felicità come “arma terapeutica” nella fibromialgia

Studi scientifici e pratica clinica dimostrano chiaramente che ridurre i livelli di stress e ansia dei pazienti affetti da fibromialgia è essenziale per controllare la malattia e i suoi sintomi. Questo è ciò che giustifica, in larga misura, l’effetto dei farmaci e dell’esercizio fisico. Questo è l’obiettivo delle tecniche di psicoterapia che hanno dimostrato la loro efficacia: promuovere l’armonia interiore, il benessere emotivo, il controllo delle emozioni disturbanti, in una parola: promuovere la felicità. Ci sono molti modi per farlo, senza farmaci. Qui sta la speranza e il potere decisivo che il paziente può avere sulla sua malattia. ..

 

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *