Finalmente i ricercatori australiani sviluppano il primo metodo mondiale per curare il lupus

A due anni di distanza dagli studi clinici, il metodo prende di mira le cellule T del sistema immunitario, offrendo ai pazienti la possibilità di un trattamento che va oltre i farmaci e i loro effetti collaterali.

Per Vu Nguyen, avere la condizione infiammatoria cronica del lupus è stato debilitante.

Diagnosticata all’età di nove anni, convive ormai da 30 anni e ha avuto un impatto enorme sulla sua vita.

Era il 1995, quindi allora non era molto conosciuto. I primi sintomi che ho avuto sono stati articolazioni doloranti, articolazioni gonfie. Quindi sono andato dal medico di famiglia. Fortunatamente, si stava documentando e ha detto che forse andava a fare questi esami del sangue. E si è scoperto che avevo il lupus. Quando avevo circa 22 anni, ho avuto un ictus, causato dal lupus. Quindi, circa un anno dopo essere stato in ospedale, mi è stata diagnosticata anche l’epilessia. Quindi dopo mi è stato detto che non puoi davvero lavorare perché lo stress attiva l’epilessia e (porta a) convulsioni).”

Come per altre malattie autoimmuni, non esiste una cura.

Per gestire i sintomi, i pazienti utilizzano interventi sullo stile di vita e assumono farmaci regolari con potenziali effetti collaterali tossici.

Si stima che la condizione colpisca l’1% degli australiani – ovvero 25.000 persone – con una maggiore prevalenza tra le donne in età fertile – e tra coloro che sono indigeni australiani, polinesiani o di origine del sud-est asiatico.

Si presenta in modo diverso negli individui, producendo anticorpi nel sistema immunitario che attaccano più organi del corpo: dalla pelle e le articolazioni, ai reni, al cuore e al cervello.

Per le donne tra i 20 e i 30 anni, conferisce una possibilità su 10 di morire prima dei 40 anni [[secondo una meta-analisi del 2012 di dati globali pubblicata sulla rivista Seminars in Arthritis and Rheumatism]].

Per la signora Nguyen, la sua esperienza vissuta con la malattia l’ha portata a fondare un gruppo di sostegno ai pazienti, Lupus Victoria, per aiutare le persone a superare gli alti e bassi.

“Con il lupus è molto insolito avere alcuni sintomi. Quindi a volte le persone si avvicinano e chiedono: è insolito? Cosa posso usare per il mio prurito – cose del genere. Le persone (nel gruppo) daranno il loro contributo. Dovresti pensarci, leggere questo libro, fare esercizio. Dovresti provare questo unguento. Penso con il gruppo – perché il lupus ora è sconosciuto; a volte le famiglie dei pazienti di nuova diagnosi ancora non capiscono. Quindi almeno vengono lì e sono in grado di parlare con la gente per sapere cosa sta succedendo. E li aiuta davvero in questo modo.

Ora, i ricercatori della Monash University hanno portato avanti un progetto di sei anni che potrebbe portare allo sviluppo della prima opzione di trattamento a lungo termine per i pazienti affetti da lupus.

La ricerca è a due anni di distanza dagli studi clinici.

Joshua Ooi, professore associato a capo del progetto, afferma che il team di 22 ricercatori è stato in grado di prendere di mira una specifica cellula umana nei pazienti affetti da lupus e riprogrammarla utilizzando molecole protettive di persone sane.

“Questi pazienti hanno cellule T che prendono di mira se stesse; e progettiamo queste cellule T regolatorie che impediscono a queste cellule T di farlo. I pazienti affetti da queste malattie autoimmuni sono privi di questo particolare gene o recettore. Quindi quello che facciamo è togliere queste cellule, resettarle, mettere su di loro il recettore giusto; e poi sostanzialmente riparare il sistema immunitario. Quindi diamo un reset al sistema immunitario, come un aggiornamento del software per far sì che tutto funzioni di nuovo correttamente”.

Il team è stato in grado di utilizzare le risorse dell’Australian Lupus Registry and Biobank – istituito presso la Monash University nel 2012 – per testare l’idea.

Il metodo è stato sviluppato utilizzando cellule di pazienti in provette e poi testato in modelli preclinici utilizzando topi.

Il professore associato Ooi afferma che la fase successiva è vedere come si comporta in uno studio clinico su un campione di 10-20 pazienti australiani.

“Le prove si avranno quando realizzeremo effettivamente la sperimentazione clinica. Voglio dire, essendo io stesso uno scienziato da quasi 20 anni, penso che siamo molto entusiasti delle cose che accadono in provetta o nei modelli di malattia. Ma dimostrarlo su un paziente reale sarebbe il risultato chiave che convincerebbe me e tutti gli altri che funziona davvero”.

Afferma che la natura specifica e mirata dell’intervento ha ridotto al minimo gli effetti collaterali – e sarà qualcosa monitorato da vicino nella sperimentazione clinica.

“Devono assumere farmaci regolarmente, mentre queste cellule che immettiamo nel corpo, vivono effettivamente nel corpo per almeno alcuni anni. Quindi speriamo che sia un trattamento molto migliore, più sicuro e più facile da prendere. Stiamo modificando i geni solo in un sottoinsieme molto piccolo di cellule. Non sta cambiando l’intero genoma. Non puoi trasmetterlo ai tuoi figli, e una volta che queste cellule fanno quello che dovrebbero fare nel corpo, non c’è nulla che suggerisca che possano causare qualcosa di dannoso. Inoltre, le cellule che stiamo ingegnerizzando sono antinfiammatorie, quindi è improbabile che causino alcun tipo di effetti collaterali negativi”.

Il lavoro è stato pubblicato sulla rivista peer-reviewed Nature Communications.

Il coautore dello studio Peter Eggenhuizen afferma che esiste un reale potenziale per adattare il metodo al trattamento di fino a 100 altre malattie autoimmuni, tra cui il diabete, l’artrite reumatoide e la sclerosi multipla.

“Questa nuova pipeline che abbiamo scoperto per trovare queste molecole protettive può quindi essere utilizzata per colpire ciascuna malattia per trovare un recettore contro ciascuna malattia e metterlo sulle cellule per ripristinare quell’equilibrio nel sistema immunitario che manca in questi pazienti. Attualmente siamo in fase di sviluppo nelle fasi iniziali per altre malattie autoimmuni, alla ricerca di molecole protettive per colpire queste malattie come il diabete di tipo 1 e anche la malattia infiammatoria intestinale”.

La professoressa Fabienne Mackay del QIMR Berghofer Medical Research Institute non è stata coinvolta nello studio.

Dice che i risultati della sperimentazione clinica dovranno convalidare ulteriormente l’approccio, ma il test su specifiche cellule dei pazienti nello studio è significativo – e una soluzione molto migliore rispetto all’impatto dei trattamenti attuali che distruggono sia le cellule cattive che quelle buone nel sistema immunitario.

“Penso che sia molto emozionante. In realtà è un ottimo studio e ti dirò perché, perché devi tornare a quali sono i trattamenti attuali per la cura del lupus. E questi trattamenti li chiamano sempre strumenti molto contundenti. Hanno lo scopo di sopprimere l’infiammazione, ma lo fanno in modo indiscriminato nei pazienti veramente immunocompromessi. Hanno semplicemente spento il sistema immunitario e con il Covid abbiamo visto che è molto importante avere un sistema immunitario che lavori di fianco. Ciò che sta facendo questo studio è qualcosa di veramente interessante. In realtà si sta cercando di essere un po’ più chirurgici nel modo in cui sopprimiamo gli elementi pericolosi nelle cellule immunitarie che causano la malattia”.

Secondo la signora Nguyen è incoraggiante vedere progressi verso un potenziale trattamento a lungo termine che potrebbe migliorare sostanzialmente la qualità della vita.

“Questo potrebbe aiutare chiunque, perché al momento così tante persone stanno lottando per vivere davvero in modo indipendente. Abbiamo tutti bisogno di badanti intorno a noi; e molte persone nel gruppo appartengono alle generazioni più anziane che vivono da sole o con un partner. Considerando che alle persone piace qualcuno come me, voglio dire, vivo ancora a casa da solo, ma se questo può aiutare le persone come me a diventare più indipendenti e a uscire di casa da solo… allora spero che questo trattamento funzioni..

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *