I pazienti affetti da fibromialgia (FM), una condizione che colpisce principalmente le donne ed è caratterizzata da dolore cronico, affaticamento e confusione mentale, spesso trovano opzioni terapeutiche limitate e una mancanza di spiegazioni per i loro sintomi.

 

Una nuova ricerca condotta dai ricercatori del Mass General Brigham ha scoperto che la terapia cognitivo comportamentale (CBT) può ridurre significativamente il peso della FM, in parte riducendo il dolore catastrofico, una risposta cognitiva ed emotiva negativa.

che può intensificare il dolore attraverso sentimenti di impotenza, ruminazione e pensieri intrusivi. Questa scoperta è supportata dai dati di neuroimaging, che evidenziano una ridotta connettività tra le regioni del cervello associate all’autoconsapevolezza, al dolore e all’elaborazione emotiva.

“In questo studio, abbiamo esaminato l’interazione tra processi psicologici e modelli di connettività cerebrale in risposta al dolore”, ha affermato il co-autore senior Robert Edwards, Ph.D., psicologo clinico presso il Dipartimento di Medicina di anestesia, medicina perioperatoria e dolore. . al Brigham and Women’s Hospital. “Volevamo esplorare come la CBT, una terapia verbale mirata a combattere i pensieri disadattivi, può migliorare il funzionamento quotidiano degli individui e cambiare l’elaborazione da parte del cervello delle informazioni legate al dolore”.

 

Edwards spiega che la CBT può ridurre le risposte cognitive ed emotive negative al dolore. Dice che mentre queste risposte sono normali, possono amplificare gli effetti invalidanti del dolore cronico e rendere condizioni come la fibromialgia più dolorose.

Il gruppo di ricerca per lo studio comprendeva ricercatori di tre affiliati del Mass General Brigham: Spaulding Rehabilitation Hospital, Brigham and Women’s Hospital e Massachusetts General Hospital.

I ricercatori hanno reclutato 98 donne, assegnandone in modo casuale 64 a un gruppo di trattamento che ha ricevuto CBT e 34 a un gruppo di controllo che ha ricevuto formazione sulla FM e sul dolore cronico ma non ha appreso tecniche specifiche di CBT. Tutti i partecipanti avevano un’età compresa tra 18 e 75 anni e avevano una diagnosi confermata di FM da almeno sei mesi. Per raccogliere i dati di base, tutti i partecipanti hanno completato diversi questionari validati sul dolore e sulla qualità della vita.

Ciascun gruppo ha partecipato a otto sessioni di intervento, comprese visite da 60 a 75 minuti con un operatore di salute mentale autorizzato. I partecipanti sono stati valutati principalmente in base ai loro livelli di interferenza del dolore, o alla misura in cui il loro dolore interferiva con le loro attività quotidiane, al dolore catastrofico, alla gravità del dolore e all’impatto complessivo della FM sulla qualità della vita dei pazienti.

I risultati hanno dimostrato che coloro che sono stati sottoposti a CBT hanno sperimentato riduzioni significativamente maggiori dell’interferenza del dolore. I partecipanti alla CBT hanno anche mostrato un dolore significativamente meno catastrofico e hanno riferito che i loro sintomi di FM avevano un impatto significativamente minore sulla loro vita quotidiana.

Il team ha scoperto che dopo essere stati sottoposti alla CBT, i pazienti hanno sperimentato cambiamenti nelle attività di tutte e tre le reti, suggerendo una minore attenzione al dolore.

“Prima che i partecipanti si sottoponessero alla CBT, abbiamo scoperto che le parti del cervello legate all’autoconsapevolezza e alle sensazioni erano altamente connesse, suggerendo che i pazienti erano acutamente consapevoli della sensazione di dolore che stavano sperimentando e interiorizzavano questi sintomi”, ha detto il co-primo autore Jeungchan. . Lee, Ph.D., istruttore presso il Dipartimento di Medicina Fisica e Riabilitazione con sede presso lo Spaulding Rehabilitation Hospital e l’Athinoula A. Martinos Center for Biomedical Imaging presso il Massachusetts General Hospital. “Dopo la CBT, questi legami erano significativamente più deboli, suggerendo che i pazienti erano maggiormente in grado di separarsi dal dolore dopo la terapia”.

Questo studio è stato limitato alle donne, in parte a causa della sua elevata prevalenza e in parte per eliminare le differenze di genere confuse nell’attività cerebrale. In futuro, i ricercatori sperano di raccogliere dati da uomini e pazienti non binari con FM. Inoltre, la CBT include molteplici componenti terapeutiche e questi risultati non possono essere generalizzati per valutare l’impatto di tutte le forme di CBT sulla riduzione del dolore cronico correlato alla FM.

Lee ed Edwards concordano sul fatto che questi risultati suggeriscono in definitiva che condizioni di dolore cronico complesse come la fibromialgia dovrebbero essere trattate con una moltitudine di terapie farmacologiche e cognitive.

“Spero che questi risultati motivino gli operatori sanitari a considerare la CBT come un’opzione terapeutica efficace per ridurre l’impatto del dolore sperimentato dai pazienti”, ha spiegato Edwards. “Il dolore cronico come la fibromialgia comporta cambiamenti di lunga data nel sistema nervoso centrale e la CBT è una delle numerose opzioni di trattamento, come i farmaci e la terapia fisica, che sappiamo possono apportare benefici alle persone con FM”.

 

 

 

 

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *