I risultati fanno luce sul potenziale significato del riconoscimento e della gestione dei tratti della personalità di tipo D nel contesto della cura della fibromialgia..

Secondo uno studio pubblicato su Medical Science Monitor , nei pazienti affetti da fibromialgia è stata osservata un’elevata prevalenza di tratti della personalità di tipo D , che ha coinciso con un impatto negativo sulle misure cliniche . 1

Il termine “personalità di tipo D” deriva dalle iniziali di “diffidente” e “angosciato”. I pazienti con questo tipo di personalità sperimentano spesso risposte emotive negative, li predispongono al disagio cronico e sono inclini a depressione, ansia, irritabilità e disforia. Questi pazienti spesso mostrano maggiori livelli di preoccupazione e senso di colpa, hanno un’elevata paura del rifiuto e mostrano una visione generalmente pessimistica della vita. 2

“Inoltre, gli individui con tratti della personalità di tipo D sono più suscettibili a condizioni di salute fisica e mentale”, ha scritto un team di ricercatori dell’Università Medipol di Istanbul, Istanbul, Turchia. “La ricerca suggerisce che la personalità di tipo D può aumentare il rischio di attacchi di cuore ed è più diffusa tra gli individui con malattie cardiache, indicando un legame tra questi tratti della personalità e le condizioni cardiache. Inoltre, i pazienti con spondilite anchilosante e personalità di tipo D tendono a manifestare sintomi clinici più gravi”.

I ricercatori hanno reclutato 50 pazienti adulti con fibromialgia diagnosticata clinicamente e 50 controlli sani abbinati per valutare gli effetti della personalità di tipo D sulla qualità della vita, ansia, depressione, dolore e qualità del sonno. Sia le valutazioni di base che quelle post-trattamento hanno coinvolto una scala analogica visiva per il dolore, Beck Depression Inventory, Beck Anxiety Inventory, Fibromyalgia Impact Questionnaire (FIQ), Pittsburgh Sleep Quality Index e SF-36 Short Form Questionnaire. Un questionario sociodemografico ha raccolto informazioni su età, sesso, occupazione, livello di istruzione, stato civile, stato di alcol e fumo e storia di malattie croniche. Gli effetti di questo tipo di personalità sulle misurazioni cliniche sono stati valutati utilizzando il sottogruppo di partecipanti con la D-Type Personality Scale (DS-14).

I pazienti nella coorte con fibromialgia avevano una durata media della malattia di 40,2 mesi, un punteggio del dolore sulla scala analogica visiva di 7 e un punteggio FIQ di 69,6.

La maggior parte dei pazienti (n = 30, 60{f3a6a30fe8ec83c88e3a096004ddf2d5481b76e701b36185325949387956c891}) con fibromialgia aveva tratti di personalità di tipo D rispetto a soli 12 pazienti (24{f3a6a30fe8ec83c88e3a096004ddf2d5481b76e701b36185325949387956c891}) nel gruppo di controllo ( P <.001). I pazienti con fibromialgia e personalità di tipo D hanno riportato punteggi significativamente più alti al Beck Anxiety Inventory ( P = 0,023) e al Beck Depression Inventory ( P = 0,036) rispetto a quelli senza personalità di tipo D. Inoltre, i domini SF-36 della vitalità ( P = .002) e della salute mentale ( P >.001) erano significativamente più bassi in questa popolazione di pazienti.

Non sono state osservate differenze statisticamente significative nella qualità del sonno per quanto riguarda depressione, sonno e qualità della vita tra i partecipanti, indipendentemente dallo stato di personalità di tipo D ( P = 0,086). Tra i controlli, indipendentemente dai tratti della personalità di tipo D, non sono state riportate differenze significative nella depressione, nella qualità della vita e nel sonno.

I ricercatori hanno identificato le dimensioni ridotte del campione e l’impostazione di un unico centro come limitazioni dello studio che potrebbero influenzarne la generalizzabilità. Inoltre, il disegno trasversale ha reso difficile l’analisi delle relazioni causali. L’affidabilità dei risultati potrebbe essere stata compromessa a causa di errori di memoria e variabilità. Infine, il comportamento dei partecipanti potrebbe essere stato influenzato dagli effetti dell’osservatore e dai problemi di mancata risposta, che potrebbero aver portato a una potenziale travisamento dei risultati.

“Riconoscere i tratti della personalità di tipo D nei pazienti con fibromialgia e gestirli attraverso interventi psicoterapeutici può portare allo sviluppo di strategie di coping adattive”, hanno concluso i ricercatori. “Alla luce dei risultati ottenuti, espandere la dimensione del campione e condurre nuovi studi può fornire una comprensione più chiara della relazione tra fibromialgia e personalità di tipo D”.

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *