Dal 1990, la fibromialgia è stata diagnosticata principalmente dalla presenza di punti dolenti, piccole aree del corpo vicino (ma non sopra) un’articolazione che causano dolore quando vengono premute. Anche se non vi è dubbio che i punti dolenti siano caratteristici della fibromialgia, gli studi hanno a lungo messo in dubbio la loro capacità di diagnosticare correttamente la condizione.

In risposta, l’American College of Rheumatology (ACR) ha rivisto le sue linee guida diagnostiche nel 2010 e di nuovo nel 2016, sostituendo l’esame dei tender point con due test separati che caratterizzano l’esperienza complessiva dei sintomi.

 

Caratteristiche dei punti teneri I
punti teneri sono definiti dall’ACR come 18 punti bilaterali sul corpo (nove da un lato e nove dall’altro) dove si può avvertire dolore immediatamente sotto la pelle quando lo premiamo. Non devono essere confusi con i punti trigger, che provocano dolore in un’altra parte del corpo quando vengono premuti.

Se il dolore nei punti dolenti non viene avvertito profondamente, può comunque essere intenso. Anche se potresti avere altri punti dolenti sul tuo corpo, questi sono quelli condivisi dalla maggior parte delle persone con fibromialgia.

Un hot spot può costare anche solo un centesimo e cambiare in intensità e posizione. I nove punti dolenti bilaterali si trovano nelle seguenti parti del corpo:2

Muscoli anteriori inferiori del collo
Parte superiore del torace appena sotto la clavicola
Collo nei muscoli alla base del cranio
Muscoli trapezi della parte posteriore delle spalle
Muscoli sovraspinati sulla scapola
All’esterno del gomito, dove i tendini si incontrano si attaccano all’osso
Parte superiore quadrante esterno del muscolo gluteo dei glutei Esterno dell’anca Interno
del ginocchio La sfida diagnostica La fibromialgia è una malattia che causa dolore cronico diffuso, principalmente nei muscoli, nei tendini e nei tessuti connettivi. A volte chiamata reumatismi muscolari o sindrome reumatica, differisce dall’artrite e da altre malattie reumatiche muscoloscheletriche in quanto non causa danni alle articolazioni.

Poiché la causa della fibromialgia è ancora sconosciuta, può essere molto difficile da diagnosticare. Inoltre, esiste un dibattito di lunga data sui criteri per diagnosticare definitivamente la malattia.

Secondo le linee guida ACR del 1990, la fibromialgia potrebbe essere diagnosticata definitivamente in base alla presenza di punti dolenti.2 Per confermare un punto dolente, il medico premerebbe sul punto con un dito o utilizzerebbe un dispositivo chiamato dolorimetro, che può misurare l’esatto quantità di pressione applicata. Un risultato positivo è quello in cui viene attivato il dolore.

Una diagnosi di fibromialgia verrebbe confermata se si avvertisse dolore in almeno 11 dei 18 punti dolenti e dolore diffuso in tutti e quattro i quadranti del corpo per almeno tre mesi.

I limiti di queste linee guida furono rapidamente riconosciuti dai reumatologi i cui pazienti spesso non soddisfacevano i criteri. Poiché il dolore fibromialgico può variare in entità e localizzazione, molti operatori sanitari hanno iniziato a chiedersi se i punti dolenti fossero più adatti a caratterizzare le riacutizzazioni della malattia e meno adatti a diagnosticare la malattia stessa.

 

Modifiche ai criteri diagnostici
A causa delle lacune nei criteri diagnostici, l’ACR ha pubblicato nuove linee guida nel 2010, escludendo i punti caldi dal processo.2 Al loro posto, l’ACR ha introdotto due strumenti di valutazione separati: l’indice del dolore generalizzato (WPI) e il sintomo scala di gravità (SS). ).

Il WPI è un questionario in cui ti viene chiesto se hai avvertito dolore in una qualsiasi delle 19 parti del corpo nell’ultima settimana. Ogni risposta “sì” riceve un punteggio pari a 1 per un punteggio massimo possibile di 19.

Lo SS è un questionario utilizzato per classificare la gravità di quattro diversi sintomi (affaticamento, sonno non ristoratore, sintomi cognitivi e sintomi fisici) su una scala da 0 a 3 per un punteggio massimo possibile di 12.

Per diagnosticare definitivamente la fibromialgia, il medico dovrà confermare tutto quanto segue:1

O un WPI di 7 o più con un SS di 5 o più OPPURE un WPI da 3 a 6 con un SS di 9 o più
Sintomi che persistono a un livello simile per almeno tre mesi
Nessuna altra spiegazione per i sintomi
Questi nuovi criteri sono cambiati l’attenzione da un dolore specifico in un dato momento verso una caratterizzazione globale dello stato patologico. Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Arthritis Care & Research, questi nuovi criteri hanno identificato l’88,1{f3a6a30fe8ec83c88e3a096004ddf2d5481b76e701b36185325949387956c891} delle persone affette da fibromialgia senza la necessità di un esame tender point.3

Ciò è stato visto come un miglioramento significativo rispetto ai criteri precedenti, dove i primi studi avevano suggerito che i tender points, se usati isolatamente, potevano consentire una diagnosi corretta solo nel 50{f3a6a30fe8ec83c88e3a096004ddf2d5481b76e701b36185325949387956c891} dei casi.

Diagnosi differenziale
Probabilmente la parte più importante di una diagnosi di fibromialgia è l’esclusione di tutte le altre cause di dolore cronico diffuso. Fino a quando tutte le altre spiegazioni non saranno esplorate ed escluse, un WPI e un SS positivi possono solo rappresentare una diagnosi presuntiva.

Queste sono solo alcune delle malattie che un reumatologo può esplorare in base all’età, al sesso, all’anamnesi medica e alle malattie concomitanti:2

Spondilite anchilosante
Epatite C
Ipotiroidismo
Lupus
Sclerosi multipla
Miastenia grave
Pseudopoliartrite reumatoide Artrite
reumatoide
Sclerodermia
Sindrome di Sjogren
Una parola da Verywell
Sebbene la diagnosi di fibromialgia non dipenda più dall’esame dei punti dolenti, il test può ancora essere utilizzato come supporto alla diagnosi e al trattamento medico.

Allo stesso tempo, comprendere il concetto di punti dolenti può aiutarti a trovare una spiegazione al dolore che altri potrebbero sostenere sia “tutto nella tua testa”. Può fornirti il ​​contesto di cui hai bisogno per descrivere accuratamente il tuo dolore e altri sintomi al tuo medico di famiglia o, meglio ancora, a un reumatologo..

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *